Gianluca Daniele

Allora domanda di rito: sei ormai in puglia da più di 8 mesi, come ti trovi? Hai avuto difficoltà ad ambientarti?
Il primo mese non nascondo che è stata dura, chiaramente il cambio di vita non è mai facile, temevo anche di dover abbandonare l'arrampicata e invece appena sono entrato in palestra mi sono sentito rinascere, non solo potevo continuare ad arrampicare ma ho conosciuto anche amici con cui condividere interessi e uscite e infatti se prima tornavo a casa (Sezze-Roma nd Nik )ogni week-end, adesso ci torno una volta al mese
.
Cosa ne pensi dell'arrampicata qui da noi, siamo secondo te ancora troppo indietro rispetto ad altre realtà come quella romana o possiamo ritenerci comunque al passo?(palestre,falesie)

Arrampicando in palestra ho la sensazione che voi vi sottovalutiate un po', il livello medio è sicuramente più alto che a Roma, lì infatti ci sono i big ma la massa arrampica intorno al 6a.Anche per la falesia, la situazione per chi osserva da fuori regione sembra peggiore di quel che è veramente e invece prendi noi 2: oggi , in settimana, stiamo cmq andando ad arrampicare a mezz'ora da casa (l'intervista è stata fatta nel tragitto per andare a Statte, ndNik)
.
L'ambiente romano è spesso avvelenato da polemiche, rancori ,invidie, cosa ne pensi?

Il problema è che il numero di muscoli coinvolti per parlare è molto minore che ad arrampicare, se poi alla lingua è scollegato il cervello è facile dire fesserie e avvelenare l'ambiente.

Veniamo alla tua carriera arrampicatoria, si può dire che questa passione tu l'abbia sin da subito condivisa con tua sorella Stefania, com'è il rapporto tra voi 2? Credi che senza di lei avresti avuto meno stimoli nel praticare questo sport? Come è nata questa passione per l'arrampicata?

A dire il vero il primo ad arrampicare sono stato io, all'epoca facevo molto body-building e fu proprio in palestra che vidi un ragazzo fare trazioni su monoditi, incuriosito gli chiesi il perché lo facesse e scoprii che tale ragazzo arrampicava: la domenica dopo ero attaccato al mio primo 6a su roccia. Poco dopo ho coinvolto mia sorella, sicuramente è stata una fortuna condividere questa passione con lei, infatti mi accompagnava ovunque, adesso invece dedichiamo all'arrampicata un'attenzione diversa e poi chiaramente vivendo lontani è più difficile stare insieme
.
Qualche anno fa sei stato costretto a lasciare l'arrampicata in seguito ad un brutto infortunio al braccio, vuoi raccontarci cosa è successo? Dove hai trovato la forza per ricominciare?

Bè è successo facendo bodi-building, infatti non avevo ancora lasciato del tutto il mio primo amore quando durante un esercizio subii uno strappo con distacco del bicipite. E' stato veramente un duro colpo, secondo il medico non avrei più potuto fare sport, addirittura avrei avuto difficoltà anche a vestirmi da solo e se mi fossi operato c'era il rischio di perdere completamente la mobilità del braccio. Per fortuna dopo un anno s'è riattaccato da solo, il medico allora mi consigliò di riprendere con la palestra per tonificae il muscolo, all'inizio mi ricordo che lavoravo con una scatoletta di tonno e non ce la facevo, poi passai a sollevare una di piselli, quindi fagioli, dopo 2 settimane che ripresi ad arrampicare chiusi un 7b, dopo 3 un 7c, dopo un mese un 7c+, assurdo era così tanta la voglia di riprendere ad arrampicare che nel giro di qualche mese raggiunsi un livello più alto di quello che avevo prima dell'infortunio.

Sei molto legato all'attività su roccia dove hai collezionato diverse realizzazioni importanti, come mai non ti sei mai avvicinato al mondo delle gare al contrario di tua sorella atleta assidua del circuito di coppa italia?

Mi dà più piacere l'arrampicata su roccia, di solito ognuno fa ciò che gli riesce meglio e sicuramente mi sento più portato per la roccia che non per la resina e poi per far gare bisogna essere anche un po' esibizionisti no?

Sappiamo che in poco tempo, dal momento in cui hai iniziato ad arrampicare , hai ottenuto risultati di tutto rispetto quali alcuni 7c a vista e 8a flash, il segreto? Predisposizione fisica? Allenamenti particolari? Seguivi i consigli di qualche big romano o hai agito da autodidatta?

Consigli miracolosi non li da nessuno, soprattutto chi potrebbe farlo, avevo comunque molta forza e un fisico allenato venendo dal body-building, man mano poi ho cercato di compensare là dove avevo più carenze.
Che ne pensi del bouldering, ormai lì a Roma molti arrampicatori si sono convertiti a tale disciplina, ti interessa? La pratichi?

Su roccia purtroppo non ho ancora mai provato, mi piacerebbe andare a Meschia, ho visto diversi filmati e letto molti articoli sul posto e sicuramente non appena sarà possibile andrò a farci un salto
.
Nel futuro? qualche progetto da realizzare?
Per il momento nessuno in particolare, arrampico, dovunque, per il solo piacere di farlo.

Cos'è per te l'arrampicata?
Una splendida forma di evasione.

Torna all'indice INTERVISTE