Il PorTale dell'ArramPicata al SuD ItaliA
OUTDOOR INDOOR
WEBSTORE



Ore 11.00 Il PANICO; un senso di gioia e scoforto assale gli organizzatori, si è iscritto il settantunesimo atleta, quasi il doppio del previsto. Dopo un rapido consulto si decide per i turni 35 persone ogni ora e . . . il massacro ha inizio.
affollamento al tabelloneil tabellone

30 i tracciati previsti con difficoltà crescenti in relazione al colore, 15 tra bianchi e rosa su cui principianti e giovanissimi hanno fatto esplodereEsplosione di potenza il loro potenzialeindicazioni del papàe via verso il Top. Un altra manciata di blocchi gialli e grigi ha accontentato un pò tutti sia chi li ha risolti con relativa facilità sia chi ha preso il top solo dopo un estenuante lotta. Cinque i blocchi Verdi e Rossi su cui i migliori si sono giocati il posto in finale.
Placca, Strapiombo, Tetto, Spigoli e Ribaltamenti appoggiati ma anche Canne da pinzare a lancioni da far metter le ali, tutte le tipologie di blocco sono state sfruttate, prese svase, grossi volumi e piccole pinzate hanno soddisfatto la marea umana che ha inondato la sala del Moving.

Ore 16.00 La Finale Femminile.
Solo tre donne hanno chiuso un blocco grigiole finaliste e sono solo loro a contendersi il podio, le due Miriam sbagliano il primo tentativo non intuendo la giusta sequenza e per il secondo mancano un pò le forze,miram Dora parte subito decisa, stringe la pinza ma fallisce l'incrocio, Dora in azioneriposo e in attimo ancora sulla pinza, incrocio, svaso e vai il Top è raggiunto.

Ore 17.00 Le Finali Maschili striscione di Salerno
Come da programma parte la prima delle tre finali a vista con due tentativi in un tempo limite di 2 minuti, tredici in partenza al primo blocco, lungo tracciato su una serie di strapiombi collegati con tetto finale, per proseguire bisogna raggungere il top o almeno tentare il lancio finale. . . i 7 cavalieri passano il turno, i 3 ragazzi di Foggia, Lorenzo Giovanni e Checcochecco, due Local di Martina Cosimo e Antonio, Raffaele da Bari e Oreste da Salerno.

La seconda finale prevede un insidioso giro intorno ad uno spigolo e una stalattiteantonio su cui attaccarsi con tutti e quattro gli arti per proseguire su due movimenti dinamicicosimo su bordo del tetto, percorso netto riuscito solo a Giovanni, poco sotto Checco, Raffaele con un guizzo si stacca dalla canna e lasci i diretti inseguitori fuori dal podio.

Sull'ultimo blocco è una questione di chi ha ancora energie e Tenenza, lancio di ingresso due pinze difficili da interpretare e due movimenti su svasi per sbriciolare le residue energie, tutti e superano abilemnte i due tranelli ma solo Giovanni domina gli svasi finali che lo portano agilmente al Top e alla Vittoria.
podio femminile .... podio maschile

Il finale è la cosueta festa delle foto ricordo e dell'estrazione dei premi fatta da mano Pura, ma cosa guardano?La MAMMAla giovane promessa Patric un nome una garanzia.

Un ringraziamento ai ragazzi di Catania, Salerno e della Basilicata per il lungo viaggio, agli sposor Minischetti SpecialCar e RocciaeResina e Meri, Max e Vito che con il loro aiuto hanno permesso la riuscita della manifestazione

Ci Vediamo al Bloc the Moving V

Graziano Montel

LE CLASSIFICHE Maschili e Femminili

contatti: INFORMAZIONI - WEBSTORE - OUTDOOR - INDOOR - STAFF
Clicca qui per impostare Roccia&Resina come pagina iniziale!